CCIAA Pisa, contributi fino a 5.000€ per l’internazionalizzazione

internazionalizzazioneLa Camera di Commercio di Pisa ha attivato un bando per incentivare i processi di internazionalizzazione delle imprese, attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto per interventi finalizzati alla realizzazione di progetti per la penetrazione dei mercati esteri avviati successivamente al 1 gennaio 2016.

 

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare dell’intervento camerale tutte le imprese, loro cooperative e consorzi che, al momento della presentazione della domanda di contributo, risultino:

  • iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Pisa ed aventi la sede o unità locale nella Provincia di Pisa;
  • attive ed in regola con la denuncia di inizio attività al Rea della Camera di Commercio di Pisa;
  • in regola con il pagamento del Diritto annuale;
  • che non abbiano debiti scaduti verso la Camera di Commercio o la sua Azienda Speciale ASSEFI;
  • non soggette ad amministrazione controllata, ad amministrazione straordinaria senza continuazione dell’esercizio, a concordato preventivo, a fallimento o liquidazione.

 

Spese ammissibili

I contributi sono concessi in conto esercizio per interventi avviati successivamente al 01/01/2016, finalizzati alla realizzazione di progetti di internazionalizzazione finalizzata alla penetrazione dei mercati esteri, secondo una delle linee strategiche di seguito specificate:

  • ricerche di mercato, studi di fattibilità, consulenze commerciali e promozionali (incluse attività pre-fiera) relative al/ai paese/i estero/i, analisi SWOT (analisi dei punti di forza e di debolezza dell’impresa e minacce ed opportunità del mercato in cui opera l’impresa), sondaggi di prodotto, analisi della concorrenza, ricerche di agenti e/o altri canali commerciali, ricerca partner e informazioni commerciali realizzati da società di consulenza, Camere di Commercio Italiane all’estero o altri enti specializzati;
  • interventi di comunicazione e pubblicità: campagne pubblicitarie su riviste specializzate estere, stampa e mass-media in genere, realizzati in inglese e/o altra lingua straniera. Rientrano in questa tipologia di azioni anche le traduzioni in inglese e/o altra lingua straniera di eventuale materiale promozionale di cui l’impresa già disponga in lingua italiana, nonché la traduzione in inglese e/o altra lingua straniera e relativa riprogettazione di un eventuale sito web già esistente nella sola versione italiana;
  • certificazioni tecniche di prodotto valide per l’estero (ad es. Gost, CCC, UL, BRC, IFS 6).

Si specifica che per avvio dell’investimento si intende la data della prima fattura dei servizi (nel caso di acconti vale la data del primo acconto) o di sottoscrizione del contratto, se antecedente.

Le spese ammissibili sono:

  • spese di consulenza
  • spese di comunicazione e pubblicità
  • spese di traduzione
  • spese relative al rilascio di certificazioni di prodotto

Le spese ammissibili sono al netto dell’IVA.

Tali spese non devono essere riconducibili in alcun modo alle normali spese di funzionamento dell’impresa, né ad adempimenti di obblighi di legge. La correlazione delle spese rispetto agli obiettivi del Bando dovrà essere evidenziata dalle causali delle fatture.

Le attività di consulenza per l’internazionalizzazione devono essere svolte da società di consulenza, Camere di Commercio Italiane all’estero o altri enti specializzati. Non sono ammesse a contributo spese di viaggio e soggiorno, né in Italia né all’estero, a nessun titolo.

 

Entità dell’agevolazione

I contributi sono concessi nella misura del 50% delle spese riconosciute come ammissibili e regolarmente documentate, fino ad un massimo di € 5.000,00 (al lordo della ritenuta d’acconto del 4%).

 

Modalità e termini di presentazione delle domande

Le richieste di contributo dovranno essere trasmesse alla Camera di Commercio di Pisa a partire dalla data di pubblicazione del bando e fino al 30/11/2016, salvo chiusura anticipata del Bando per esaurimento risorse di cui sarà data comunicazione a mezzo pubblicazione sul sito internet della Camera di Commercio www.pi.camcom.it.

Ciascuna impresa può inviare una sola richiesta. In caso l’impresa invii più richieste sarà esaminata solo quella protocollata in entrata per prima.

Possono presentare domanda solo le imprese che non hanno beneficiato del contributo nei due anni precedenti (2014-2015) sul medesimo bando.

 

 

Leggi anche: Camera di Commercio di Pisa, contributi per partecipazione a mostre e fiere.

.

Questa voce è stata pubblicata in Agevolazioni Finanziarie e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.