Digitalizzazione: i voucher per le PMI

voucher-digitalizzazioneIl Ministro dello Sviluppo Economico e il Ministro dell’Economia e delle Finanze hanno firmato il Decreto attuativo per l’erogazione di Voucher del valore massimo di 10.000 euro a favore della digitalizzazione delle PMI, preannunciato l’anno scorso. I fondi stanziati per l’intervento ammontano a 100 milioni di euro, e al momento sono ripartiti dal CIPE tra le regioni appartenenti alla categoria delle “regioni meno sviluppate e in transizione”, così come individuate dalla Commissione Europea (Decisione del 18 Febbraio 2014), ovvero Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. I voucher saranno concessi nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

 

L’intervento è finalizzato a sostenere l’acquisto di software, hardware o servizi che consentano di :

  • Il miglioramento dell’efficienza aziendale
  • La modernizzazione dell’organizzazione del lavoro tale da favorire l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro
  • lo sviluppo di soluzioni di e-commerce
  • La connettività a banda larga e ultra larga
  • Il collegamento alla rete internet attraverso tecnologia satellitare
  • Formazione qualificata in ambito ITC

 

L’importo del voucher viene erogato direttamente dal Ministero in un’unica soluzione, in base alla somma richiesta dall’impresa in sede di presentazione dell’istanza e concessa e approvata.

 

Beneficiari

 

Possono presentare domanda per la concessione del beneficio le imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  • caratteristiche di micro, piccola o media impresa, indipendentemente dalla loro forma giuridica e dal regime contabile adottato
  • non essere imprese la cui attività sia riconducibile a settori di produzione primaria di prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura
  • avere sede legale e/o unità locale attiva in Italia – per ora solo nelle 8 regioni del Mezzogiorno – ed essere iscritti al Registro delle Imprese della Camera di commercio territorialmente competente
  • non essere sottoposte a procedura concorsuale, fallimento, liquidazione (anche volontaria), di amministrazione controllata, di concordato preventivo, o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente
  • non essere beneficiarie di altri contributi statali per l’acquisto degli stessi beni e servizi che si vuole acquistare con il voucher
  • non essere soggette ad ordine di recupero dichiarato dalla Commissione Europea per aiuti illegali

 

Attività e spese ammissibili

 

Vediamo nel dettaglio cosa è possibile finanziare con il voucher digitalizzazione:

  • L’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla digitalizzazione dei processi aziendali
  • L’acquisto di hardware, software e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati alla modernizzazione dell’organizzazione del lavoro, con particolare riferimento all’utilizzo di strumenti tecnologici e all’introduzione di forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro.
  • L’acquisto di hardware, software, inclusi software specifici per la gestione delle transazioni on-line e per i sistemi di sicurezza della connessione di rete, e servizi di consulenza specialistica strettamente finalizzati allo sviluppo di soluzioni di e-commerce.
  • Le spese per realizzazione delle opere infrastrutturali e tecniche, quali lavori di fornitura, posa, attestazione, collaudo dei cavi, e ai costi di dotazione e installazione degli apparati necessari alla connettività a banda larga e ultralarga.
  • Le spese relative all’acquisto e all’attivazione di decoder e parabole per il collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare.
  • Le spese per la partecipazione a corsi e per l’acquisizione di servizi di formazione qualificata.

 

Presentazione della domanda

Le imprese per poter presentare la domanda devono avere obbligatoriamente una PEC valida e funzionante e la firma digitale del rappresentante o del delegato.

Le imprese per accedere ai fondi messi a disposizione con il Voucher, devono presentare la domanda esclusivamente per via telematica, seguendo la procedura stabilita e descritta sul sito Internet del Ministero dello Sviluppo Economico (www.mise.gov.it).

A breve, un apposito provvedimento fisserà i termini per la presentazione delle domande.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Blog, News e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.