Presentato il Piano Industria 4.0

Presentazione Piano Industria 4.0Come preannunciato, è stato presentato il Piano Industria 4.0, “un intervento da 13 miliardi di risorse pubbliche per attivare investimenti innovativi con incentivi fiscali”. Il piano si articola su tre direttrici: Sostegno economico alle imprese, sviluppo di competenze a partire dalla formazione scolastica, diffusione della cultura digitale anche attraverso l’identificazione di aree d’eccellenza.

Ecco in dettaglio le agevolazioni previste (con presentazione scaricabile):

 

I dettagli del Piano Industria 4.0

Piano Industria 4.0 - Direttrici

 

Tra gli strumenti, rinnovato il superammortamento, che sarà prorogato. Prevederà un aumento dell’aliquota dall’attuale 140% al 250% per gli investimenti in soluzioni per l’industria 4.0.

 

Il credito d’imposta alla ricerca dovrebbe passare dall’attuale 25% al 50% per la spesa interna (sulla spesa interna rimarrà al 50%). Il credito massimo per contribuente salirà da 5 a 20 milioni di euro all’anno.

 

Anche la finanza beneficerà delle misure del Mise. Oggi solo il 12% del risparmio nazionale va in società italiane, equamente ripartito: un 6% in azioni e un 6% in obbligazioni. L’obiettivo è aumentare entrambi i segmenti di un 4% e spostare i 130 milioni di euro investiti nel 2015 in early stage a un miliardo nel 2020. Come? Attraverso detrazioni fiscali fino al 30% per investimenti in startup e pmi innovative fino a un milione di euro, la possibilità che la società sponsor assorba per i primi 4 anni le perdite delle startup, detassazioni del capital gain sul investimenti a medio e lungo termine. E poi l’impegno di Cassa Depositi e Prestiti a sostenere acceleratori di imprese, fondi per industrializzare idee e brevetti high-tech e fondi di venture capital sull’Industria 4.0 (con Invitalia).

 

Tutto questo dovrebbe costituire un impegno pubblico del valore di 13 miliardi di euro, a cui si aggiungono i 355 milioni di euro per l’implementazione del piano nazionale Scuola digitale e dell’alternanza Scuola-lavoro sui percorsi coerenti col progetto, i 70 milioni di euro destinati alla formazione specialistica, i 170 milioni previsti per il potenziamento dei cluster tecnologici e infine i 100 milioni per i competence center, ossia i Politecnici di Milano, Bari e Torino, la scuola Sant’Anna di Pisa, l’università di Bologna con la meccatronica e la Federico II di Napoli. Un totale quindi di ulteriori 700 milioni di euro.

 

Piano Industria 4.0 - Le Novità

 

SCARICA LA PRESENTAZIONE DEL PIANO (pdf).

 

Questa voce è stata pubblicata in Blog e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.