Primi segnali positivi sulla domanda di lavoro

Dall’ufficio stampa del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali perviene la notizia di una ripresa nella domanda di lavoro che risulta trainata soprattutto dal settore manifatturiero. Le ore lavorate sono in effettivo aumento anche nel settore delle costruzioni, registrando uno +0,7% nel terzo trimestre dopo otto trimestri di calo. L’area dei servizi resta invece abbastanza debole, salvo per quanto riguardo la sezione del commercio in cui si aspetta una miglioramento occupazionale. I dati, che mostrano un netto calo delle ore di cassa integrazione utilizzate dalle imprese, sono stati forniti nel documento “Tendenze del mercato del lavoro”, reso disponibile il 15 febbraio scorso sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Altri indicatori di miglioramento risultano essere il saldo tra attivazioni e cessazioni che è tornato ad essere positivo e le ore effettivamente lavorate che appaiono in aumento.

Il documento del Ministero spiega che questi segnali non si sono effettivamente riflessi sull’occupazione complessiva, poiché “la ripresa del ciclo eco­nomico è accompagnata inizialmente da un aumento dell’intensità di utilizzo del fattore lavoro (ri­assorbimento delle unità poste in Cig e maggiore uti­lizzo dello straordinario). Solo con il consolidarsi della fase espansiva e con il miglioramento delle aspettati­ve, le imprese decideranno di assumere nuovo perso­nale. Per questa ragione, si registrano maggiori ritardi nell’aggiustamento dei livelli occupazionali rispetto all’andamento del ciclo economico”.

Dal sito www.lavoro.gov.it, che risulta rinnovato e aggiornato, si legge che è in preparazione un database statistico accessibile dal sito e costantemente aggiornato nato per garantire l’attualità delle informazioni

Questa voce è stata pubblicata in Blog e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento