Change Management: 10 suggerimenti chiave

Il Project Management Institute, l’ente più importante e autorevole globalmente in fatto di Project Management, pubblica una lista delle 10 best practices per un ottimale change management, ricordando innanzitutto che i project manager possono diventare agenti di cambiamento, guidando le organizzazioni verso specifici goal e prendendo vantaggio del cambiamento per rendersi più competitivi. 

Ecco i 10 modi per indirizzare nel modo più giusto il cambiamento all’interno del proprio project management plan: 

  1. Raccogliere le informazioni sui requisiti durante la fase di avvio per articolare un piano di change management come parte del project charter
  2. Progettare un piano che integri le attività e conduca alla performance con un approccio specifico, come il modello degli 8 passi di John Kotter
  3. Coinvolgere gli stakeholders in tempo per poter capire le loro aspettative e ottenere il loro coinvolgimento
  4. Integrare, durante la fase di pianificazione, i bisogni di cambiamento nei piani della gestione rischi, ambito, budget, comunicazione e risorse umane
  5. Identificare i change leaders come parte del progetto, oppure assumere esperti di gestione del cambiamento per coinvolgere e formare lo staff e guidare verso il cambiamento
  6. Mettere in atto una comunicazione integrata e un piano di change management che valuti la capacità e la modalità di reazione al cambiamento e che comunichi i nuovi propositi e modi di lavorare in futuro in modo da abituarsi alla novità dei nuovi comportamenti
  7. Mostrare veloci traguardi possibili da raggiungere presentato quindi gli output possibili delle nuove metodologie di lavoro. Creare una breve lista di vittorie estrapolando le opinioni da interviste con gli stakeholder e con revisioni delle misure di performance. Questo permetterà al team di costruire credibilità
  8. Acquisire i feedback durante la fase di monitoraggio in modo da modificare gli approcci e continuare a portare avanti gli outcome desiderati. Questo permetterà di valutare quali tecniche funzionano meglio e quali invece devono essere terminate o ottimizzate per supportare l’adozione dei nuovi comportamenti
  9. Sostenere il cambiamento grazie allo sviluppo di un piano di transizione delle operazioni che includa i team qualificati. Assicurarsi di condurre una valutazione di sostenibilità a scadenze ben definite, inizialmente trimestrali
  10. Celebrare i risultati ottenuti  per quanto riguarda il cambiamento che saranno responsabili del futuro dell’organizzazione. Questi comportamenti dovrebbero mostrare apprezzamento verso gli individui e i team che hanno efficientemente adottato i nuovi comportamenti- ed inoltre creare modelli di comportamento di successo per gli altri, incentivando l’emulazione e l’apprendimento

Per approfondire l’argomento del change management, si può fare riferimento alla guida in inglese sempre elargita dal PMI, acquistabile sul loro sito a questa pagina.

Fonte: PMI.org [http://blogs.pmi.org/blog/voices_on_project_management/2013/12/10-tips-for-sustainable-change.html]

Questa voce è stata pubblicata in Blog e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento